150wd

 

Giorgio de Chirico. Disegno

“II disegno metafisico equivale a scrittura mentale.
In due testi del 1940 e 1943, Brevis pro plastica oratio e La forma nell’arte e nella natura, a circa metà dell’intero ciclo creativo, in un discorso che orienta alla forma in generale è la definizione del disegno metafisico: il disegno è impronta del pensiero, rivelazione cognitiva.”

Jole de Sanna, Giorgio de Chirico Disegno

In copertina: Minerva e l’oggetto misterioso, 1973

Il catalogo Giorgio de Chirico. Disegno è stato pubblicato dalla Fondazione nel 2004 (Mondadori Electa, Milano). Curato da Jole de Sanna, il volume presenta l’intera collezione dei disegni ed acquerelli di proprietà della Fondazione, per un totale di 216 opere.

La collezione, che parte dalla prima metà degli anni Venti fino al disegno acquerellato del 1975-76, Interno metafisico con squadre, evidenzia l’eterogeneità della ricerca dechirichiana: dai ritratti classici della prima moglie, Raissa Gourevitch, e della seconda, Isabella Pakszwer Far, agli autoritratti, ai paesaggi e ai cavalli, ai diversi studi di drappeggi, di anatomia e di animali, ai d’après da Rubens e da Delacroix, ai personaggi mitologici e sacri, fino ai celebri soggetti de gli Archeologi, i Gladiatori, i Bagni misteriosi, e ad altri temi d’invenzione. Numerosi bozzetti di costumi e di scenografie, eseguiti a matita, carboncino, acquarello e tempera magra, testimoniano inoltre l’interesse del Maestro per il teatro.

Le schede tecniche presenti in catalogo evidenziano eventuali presenze di dediche o di annotazioni autografe nell’opera, nonché, attraverso ricerche storico-critiche, sono individuati i disegni preparatori per numerosi quadri a olio.

Chiudono il volume le illustrazioni dei 24 disegni eseguiti dall’artista nel 1971 per le litografie dell’edizione di Hebdomeros (Carlo Bestetti editore, Roma, 1972), così come le litografie colorate a mano dall’artista che illustrano le edizioni de L’Apocalisse del 1941 (a cura di R. Carrieri, Edizioni della Chimera, Milano, 20 litografie) e del 1977 (a cura di I. Far, Aldo Garzanti Editore, Milano, 22 litografie).

Infine, la pubblicazione include il manoscritto inedito di Giorgio de Chirico Note dal libro sui disegni (databile agli anni Quaranta) e un saggio critico di Jole de Sanna.

La mano del Maestro, 1945-47
Carboncino, matita e acquerello su carta, cm 17,7 x 26,2
Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, Roma (Inv. D106)