150wd

 

La nostalgia del poeta – un progetto di Gabriele Tinti

la nostalgie du poete2

La nostalgia del poeta

io sono la voce del tramonto
nutrita dai morti
derisa dai vivi

io sento il mare
vedo il domani
il mio corpo è di pietra
e assorbe il dolore

presto il sole finirà presto
l’aria è gravida di attese
la terra chiede soltanto
un po’ di quiete

me ne andrò
non appena
farà giorno

brucerò solo
in questo scampolo
d’orizzonte.

Gabriele Tinti

Gabriele Tinti ha composto tre poesie ispirandosi a tre dipinti di Giorgio de Chirico: La nostalgie du poète (1914), L’incertitude poète (1913) e Arianna (1913), rispettivamente nelle collezioni Peggy Guggenheim Collection, TATE Gallery e Metropolitan Museum of Art. Le poesie sono state lette dall’attore Burt Young al Metropolitan di New York. I video delle letture sono stati prodotti da Primal, New York. Per vedere i video in lingua inglese (con sottotitoli in italiano) dedicati a La nostalgie du poète (1914) e Arianna (1913) clicca qui.

Le tre poesie di Tinti, con un breve saggio dell’autore dal titolo La nostalgia del poeta – un omaggio a Giorgio de Chirico, sono state pubblicate in lingua inglese in “Metaphysical Art – The de Chirico Journals” n. 14/16 (agosto 2016) a complemento della collezione di tutte le poesie di Giorgio de Chirico pubblicate in traduzione inglese per la prima volta. L’insieme comprende 90 poesie e poesie in prosa tradotte dall’originale in francese da Willard Bohn e dall’italiano da Stefania Heim. Il canzoniere di de Chirico è consultabile in lingua originale su questo sito nella sezione di “Metafisica” n. 7/8 e in traduzione italiana di Valerio Magrelli in “Metafisica” n. 9/10.
Il progetto è stato presentato al MACRO di Roma il 25 settembre alle 17:30: comunicato stampa